Proseguendo sulla salita

Come vi avevo preannunciato, sono un pò latitante in questo periodo a causa di motivi universitari. Ieri pomeriggio sono ritornata nella mia allegra pianura, e la mamma, appena entrata in casa, mi guarda attentamente e poi sentenzia: “Madonna tesoro, hai una faccia! Cerca di riposarti un pò!”. Ho quasi avuto voglia di strozzarla, però poi la furia omicida è passata pensando che era una manifestazione di preoccupazione per la salute dell’unica figlia.
Più il giorno X si avvicina, e più devo dire che sono molto più tranquilla di quanto mi aspettassi. Un pò penso che sia dovuto al fatto che in testa ho delle cose molto più importanti a cui pensare, un pò sarà che ho ricevuto un sacco di rassicurazioni da parte dei miei amici, che mi hanno ORDINATO di stare serena e di fregarmene altamente. Li ho visti contenti e “vogliosi” di festeggiarmi, quindi questo mi tranquillizza parecchio. Anche se non posso negare che un filo di agitazione c’è, e penso che sia inevitabile, sopratutto alla luce delle ultime vicende. Infatti in questa settimana, nonostante fossi molto presa coi vari esami, mi sono occupata dell’organizzazione della serata e del regalo di uno degli altri festeggiati. Ora…come lo devo interpretare il fatto che i Brangelina dei poveri hanno risposto a tutte le mail, tranne a quelle che ho scritto io? Non credo che ci vada una scienza per capire che non vengono con l’intenzione di festeggiare tre persone… Ora io mi chiedo, ma la civiltà che fine ha fatto? Nel senso non ti piaccio per tutta una serie di motivi e per continuare la vostra relazione malata avete bisogno di raccontarvi che i vostri problemi sono causati da agenti esterni e che in particolare la mia persona è una minaccia per il vostro amore profondo? Ok, sono emeriti cazzi  vostri. Ma se venite a quella che è anche la MIA festa, abbiate almeno la decenza di comportarvi da persone educate e se non riuscite neanche a rispondermi a delle email, beh statevene nella vostra torre d’avorio, senza rompere le palle al mondo!Oltretutto lo trovo ancora più incomprensibile alla luce del fatto che vengono giù per la festa e chissà poi quando li rivedremo (grazie a Dio!).Quindi è doppiamente incomprensibile! Vi giuro che sono delle cose che non capisco: insomma ci sono miliardi di persone che non mi piacciono al mondo, ma non per questo le tratto a pesci in faccia. Ok non ci esco insieme e non vado a prenderci il caffè, però le tratto con educazione e rispetto, come credo che vada trattato qualsiasi essere umano!!! Ovviamente sabato, oltre ad essere altamente figa e splendente, andrò lì apposta a salutarli, e a fare due righe di conversazione civile, proprio per dimostrare che a casa mia l’epoca della clava e delle pitture rupestri è passata da un bel pezzo! Cmq, come dice il mio amico D., “porta pazienza, tanto vedrai che questo è l’ultimo anno che vengono a festeggiare con noi. Stai tranquilla!”
Eh…la mia ora di svago mattutino pre studio è bella che finita… Torno a queste 600 pagine di tortura!

Annunci

15 thoughts on “Proseguendo sulla salita

  1. Brava Isabel…figa e splendente mi raccomando…cmq vero la gente ormai non sapiù coe comportarsi civilmente…que barbaridad direbbero i miei amici spagnoli…dai facci sapere poi del party!P.S. ma è sempre il famoso esame o è un altro? Perchè dal titolo del libro sembrerebbe letteratura tedesca..perdonami se sono poco aggiornata ma è un periodo un pò di latitanza…intanto…buono studio!! 🙂

  2. Strawberry: il "famoso" esame l'ho dato. Lo scritto era la settimana scorsa, mentre l'orale martedì. Non sono strasoddisfatta del voto, che cmq è un 25, non proprio da buttare via. Però se rifiutavo dovevo rifare anche lo scritto,e non avevo la forza! 😛 Eh vedremo domani sera come andrà il party 🙂 poi vi farò sapere! Si ora sto preparando letteratura tedesca, linguistica inglese e letteratura angloamericana…voglio morire! :)marifra79: grazie mille 😛

  3. bisogna cercare di essere civili nei rapporti… non tutti se ne ricordano con noi… cioè se ci devono trattare a pesci in faccia non si fanno problemi… noi, per carattere, porgiamo l'altra guancia… che poi è anche un modo per dimostrare che comunque siamo superiori alle cose e alle situazioni… i dispetti non ci toccano… e poi hai un bel libro da leggere… non riesco a leggere bene il titolo e l'autore perché è di lato … ma di quella collana celestina ne ho alcuni che mi sono piaciuti… è un classico, vero?

  4. pupottina: ogni tanto penso che sarebbe più facile comportarsi anche noi da incivili, ma non ce la faccio! Si si è un classicone, un mattonazzo dalla letteratura tedesca, Wilhelm Meister di Goethe…Irene: parole sante mia cara! Crepi 😛 Prima o poi due chiacchiere dal vivo ce le faremo 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...