C’è ma non si vede…

E sta peggiorando…

Sweet home, Pianura Padana 😛

Ps: aggiornamento dell’ultima ora: ho appena saputo ufficialmente che i Brangelina dei poveri al tradizionale pranzo tra amici del 26 non ci saranno perchè lei lavora! Me doppiamente felice! E’ vero che ci saranno a Capodanno, ma lei il 31 fa il mattino, quindi tra una balla e l’altra penso proprio che verranno su nel tardo pomeriggio. Quindi direi che mi va di lusso! E poi per  me il Natale che è sacro; Capodanno non è una festa che mi entusiasma molto. Grazie Babbo Natale per questo regalo anticipato, grazie grazie grazie!

Annunci

Me felice!

Dopo un’intensa giornata di studio, la ragazza che mi aveva contattato per lavorare con lei nell’agenzia di organizzazione eventi, mi contattata su Skype. Ci sono novità: prima di tutto conferma ufficiale che sono dei loro. Entro due settimane ufficializziamo il tutto, ma siamo una bella squadra: una direttrice (lei), due collaboratrici (io ed un’altra ragazza), una fotografa, una costumista, due commerciali e un programmatore. Dopo il 13 dicembre ci incontriamo per iniziare la nostra avventura. Non mi sembra vero! Primi eventi in ballo: la fiera mondiale della danza di Firenze, Onstage Musical Academy di Fioretta Mari, ed un evento a Torino in collaborazione col teatro Bolshoji. Sono incredula, senza parole, ed anche un filo spaventata! Non ho mai fatto questo tipo di lavoro e quindi ho paura di non essere capace o all’altezza.
Non ho mai creduto al detto “chiusa una porta, si apre un portone”; ma dopo gli eventi degli ultimi giorni mi sono dovuta nettamente ricredere!

Il 7 links project

Sono stata chiamata in causa da ben due amiche blogger, Iris e Maruzza, perciò non mi posso tirare indietro. Lo scopo di questo giochino è semplice. Mettere in evidenza 7 post del blog, divisi per categorie. Una volta fatto bisogna scegliere 7 blog a cui passare la palla! Ci ho messo un pò a partorire questo post, perchè mi sono dovuta un attimo spulciare i vecchi post per poter scegliere quelli più adeguati 🙂 Spero di aver fatto bene i compiti! Cominciamo:

1) Il post il cui successo mi ha stupito
Sicuramente A grande richiesta! Non pensavo che il mio strano Halloween potteriano potesse riscuotere così tanto successo 🙂
2) Il mio post più popolare
Un post recentissimo, che ha raggiunto numeri stratosferici. Piuttosto mi taglio una mano! è stato scritto come uno sfogo, e l’avete recepito con grande attenzione ed affetto! Grazie! 

3) Il mio post più controverso
Qui non sapevo davvero che cosa scegliere, ho scelto Tentativo fallito, ma più che altro perchè avevo talmente mal di denti che non sono riuscita a scrivere nulla di sensato 🙂
4) Il mio post più utile 
Penso che questo post sia stato molto utile per me stessa, per farmi capire quanto a volte la nostra testa si fa dei viaggi assurdi. Tanto rumore per nulla, parla di un mio dubbio nei confronti di una cara amica, per un stupido post su Fb. Niente di più cretino, visti i gesti e le dimostrazioni successive che sono arrivate. Bisogna imparare a mantenere i piedi ben saldi nella realtà.
5) Il post che secondo me non ha avuto l’attenzione che meritava
Forse è stato Voce fuori dal coro. Ma se devo essere onesta, mi sono basata solo sul numero dei commenti ricevuti, che erano comunque tantissimi. Sono molto fortunata, devo dire che i commenti su questo blog non mancano mai! Grazie per tutto l’affetto che mi dimostrate! 

6) Il mio post più bello
Ci sono parecchi post che mi piacciono, direi che quello più significativo è quello per i miei 25 anni, E infine arriva il quarto di secolo.
7) Il post di cui vado più fiera

  Sicuramente Può sembrare strano ma è così. In questo post riesco a spiegare bene chi sono, le mie aspirazioni, i miei desideri, i miei sogni. E’ un’ottima presentazione di me stessa, che parte dal mio stupore nel vedere le reazioni delle persone quando vengono a sapere che sono single e felice.

Ed ora ecco le fortunate/i prescelti a cui ho deciso di passare la palla:
2) Pupottina di Amore, sesso, tradimenti
3) Adriana di Ri-presa dalla rete
4) Sara, blog di SARA
6) Maddelaine Green di Il mio angolo di cucina
7)Strawberry di Una fragola al giorno

Doveva essere un periodo di stallo e invece…

Pensavo che questo periodo di ultimi esami e tesi sarebbe stato un periodo senza grosse scosse all’interno della mia vita: invece a quanto pare il karma ha deciso di mettermi davanti una serie di possibilità inaspettate. La prima è quella della prova di traduzione, che a breve mi accingerò a fare. Quello sarebbe veramente un bellissimo trampolino di lancio per il mio futuro.
Ma ecco che del tutto all’improvviso mi sono calate dal cielo altre due possibili occasioni: il fratello di una mia amica lavora in uno studio legale di Milano e mi ha chiesto in inviargli il mio Cv, senza impegno e senza promettermi niente; ma almeno inizia a girare in quel di Milano e vediamo che succede.
La seconda è partita dalla festa potteriana di Halloween: la ragazza che ha organizzato questo evento ha un’agenzia che organizza eventi. Mi ha chiesto se voglio diventare il suo braccio destro: si tratterebbe di seguire degli eventi, presenziare a fiere, gestire siti e contatti, e poi, viste la mia conoscenza delle lingue, di fare traduzioni e di trattare con clienti stranieri. Ora fino a gennaio non si riparlerà della questione, però penso proprio che accetterò sia per iniziare a fare qualcosa e poi perchè penso che potrebbe essere l’occasione buona per crearmi una serie di contatti che mi potrebbero tornare utili in futuro.
Sono senza parole!

Perchè le sorprese non finiscono mai!

Dopo esserci scofanate un bel pò di sushi, io e la mia amica V. eravamo belle comode sul divano a chiaccherare; mi aveva già avvertito che poi sarebbe uscita col suo moroso, ma dopo la giornata di studio intenso e visto la nebbia che ricominciava a scendere inesorabile sulla Bassa, una seratina tranquilla a casa non era una prospettiva così pessima. Ad un certo punto mi arriva un messaggio da J, una ragazza che esce in compagnia con me: “Cara ti andrebbe di venire a bere qualcosa con me, C e A?”. Io accetto di buon grado e molto sorpresa. Capisco che detta così non c’è niente di strano: degli amici ti invitano ad uscire e la persona invitata, in base alla voglia e al grado di sonnolenza, decide se andare o meno. In realtà questo è un evento. Facciamo un passo indietro: J, C ed A sono amici dai tempi delle superiori: un trio solidissimo, molto unito ed anche molto chiuso. Hanno iniziato ad uscire con noi, e ci siamo sempre trovati bene, però c’erano dei momenti che riservavano solo a loro; il venerdì sera è uno di questi. Inoltre la nostra cara Brangelina era molto amica di J e C, e quindi, come ha fatto col mio amico L, tendeva a non gradire dimostrazioni di affetto e simpatia da parte mia o loro. Da quando si è tolta dai coglioni, le cose hanno preso decisamente un’altra piega: C mi chiama per andare a studiare insieme, J e C mi hanno invitato alla festa di Halloween potteriana, ed infine “l’ammissione” alla riunione privata del trio al venerdì sera.
Altro motivo per essere allegra di sabato mattina, nonostante mi sia dovuta svegliare presto: mesi fa avevo mandato diversi Cv in giro per case editrici, offrendomi come potenziale traduttrice. Qualcuno non mi ha risposto, altri invece mi hanno detto che avrebbero archiviato il mio Cv e ricontattato in caso di necessità. Stamattina trovo la mail di una di queste case editrici: mi hanno proposto una prova di traduzione dall’inglese all’italiano per un potenziale lavoro di traduzione di una guida turistica su Vienna.
Da questi due episodi, dite che la ruota ha iniziato a girare nel verso giusto?

It’s a beautiful day

Oggi non c’è che dire è stata davvero una splendida giornata. Stamattina ho poltrito un pochino, e poi ho messo mano al materiale per la tesi.
Sono andata a pranzo con D, ed abbiamo passato un paio d’ore molto allegre: alla fine abbiamo anche parlato di L, e devo dire che le parole di D sono state veramente belle e mi hanno dato una grande carica. Se penso che all’inizio io e D non ci potevamo sopportare mi viene da sorridere.
Dopo pranzo, mi sono rimessa sui libri, e poi verso le sei D mi ha chiamato: “Senti avresti voglia di accompagnarmi a fare una commissione?” Ok perfetto; andiamo in centro, altra oretta passata in allegria; lo scopo della nostra missione era cercare un bel regalo per l’anniversario di D ed E. Il mio amico ha scelto una borsa molto molto bella con abbinato il portafoglio.
Ma i raggi di sole di questa bella giornata non sono ancora finiti: in qualche mio post precedente avevo espresso dei dubbi su E, fidanzata di D e mia carissima amica. Mi sembrava strana, distante e mi ero molto preoccupata. Le avevo parlato e lei mi aveva confermato che è solo un periodo difficile e con parecchia tensione per via dell’università. Le ho voluto credere, ed ho fatto bene. In questi giorni ho davvero capito, da alcuni suoi gesti, che il bene che mi vuole è rimasto immutato. E’ carattere: quando attraversa un brutto periodo tende ad isolarsi, a voler restare da sola.
Giornata conclusa in bellezza col mio amato Criminal Minds. Anche domani si profila una buona giornata: mattinata di studio solitario, pomeriggio di reclusione in biblioteca con un’amica, cena a base di pizza con un’altra amica, e poi un pò di relax spaparanzata sul divano.
E’ questo che voglia fare da ora in poi: assaporare a pieno gli attimi di felicità che la vita mi regala, godermeli e serbarli nel cuore, condividerli con le persone che mi amano.

It’s a new dawn

In questi giorni ho davvero capito quale sia l’essenza di tenere un blog: si condividono delle esperienze, si alleviano delle preoccupazioni, si cerca un confronto con altre vite, per riuscire ad avere una prospettiva più ampia e completa della propria.
Mi sono guardata indietro ed ho deciso di dire basta: voglio voltare pagina dopo tutta la sofferenza e i dubbi, dopo tutte le preoccupazioni! Dopo tutti i commenti che mi avete lasciato nel post precedente, ho deciso che devo imparare a volermi più bene, e soprattutto a vivere la mia vita lasciando al di fuori delle situazioni che mi fanno stare male inutilmente. Partendo dal presupposto che secondo me, quando due grandi amici si allontanano, prima o poi si riescono ad incontrare di nuovo, per ora voglio vivere la mia vita senza farmi troppe domande su di Lui. Come giustamente avete detto, non lo devo salvare, ha fatto delle scelte di cui paga/pagherà le conseguenze, forse non era poi così mio amico per rovinare tutto così, forse non ha le palle, forse prima o poi esploderà. Giriamola come vogliamo, ma in ogni caso non ci fa una grandissima figura.
Detto questo io penso di avere tutto da guadagnare: se e quando tornerà rifletterò sul da farsi; e se non torna non avrò perso niente, anzi mi sarò semplicemente liberata senza troppo sforzo di una persona inutile. In questo frangente la mia vita deve scorrere placida, senza troppe preoccupazioni, come effettivamente è. Razionalizzando non mi manca niente: non nego che mi manchi il mio migliore amico, ma penso anche che se le persone si allontanano da te, bisogna avere la forza e l’intelligenza di lasciarle andare.
Domani andrò a pranzo col mio caro amico D. Avevo una mezza idea di sfogarmi con lui per L, ma ora voglio solo fare una cosa: ridere, ridere, ridere!
Basta lacrime, basta sofferenza, basta guardarsi alle spalle. Guardiamo solo avanti, verso il cammino splendente che il sole traccerà per me