We want you!!!

Diventa collaboratore del blog di IODANZO!
Ami la danza, il musical e lo spettacolo in genere e cerchi un angolo di web dove esprimere le tue sensazioni a riguardo? Hai un argomento particolare con il quale vorresti metterti in luce?
Contatta la nostra redazione a redazione@ioblog.iodanzo.com
http://ioblog.iodanzo.com/
Annunci

Monica Mason, 54 anni con il Royal Ballet

Sul nostro blog di Iodanzo, abbiamo pubblicato un nuovo articolo. E’ una mia traduzione di un video molto interessante dedicato ad una mostra in onore di Monica Mason, anima del Royal Ballet.

Il Royal Ballet sta ospitando una mostra per rendere omaggio alla carriera di Dame Monica Mason, che ha deciso di andare in pensione a luglio, dopo ben 54 anni con la compagnia.

Per leggere il resto dell’articolo cliccate qui

Matthew Bourne: un genio della danza, un bardo dei nostri tempi

Oggi sul nostro blog di Iodanzo, abbiamo pubblicato un articolo scritto da me, su uno dei grandi maestri del balletto contemporaneo: Matthew Bourne. Eccone un estratto:

Matthew Bourne è certamente riconosciuto come il coreografo inglese dei nostri tempi più famoso e di maggior talento, un vero e proprio prodotto di esportazione “made in Britain”; la sua carriera inizia a decollare con la creazione della compagnia “Adventures in Motion Pictures”, e con la realizzazione di spettacoli memorabili, che si sono impressi in maniera indelebile nella memoria degli amanti della danza, come Edward Mani di Forbice, Mary Poppins, Cenerentola, Dorian Gray e la sua celeberrima versione de “Il lago dei cigni”.

Per continuare a leggere l’articolo, andate su Iodanzo il blog, vi aspettiamo numerosi!

Andare avanti

Il mio morale non è migliorato di molto, però bisogna anche cercare di andare avanti in qualche modo. Ecco perchè da oggi è iniziata l’Operazione Salute: ho deciso di prendermi l’impegno di andare a camminare mezz’oretta tutte le mattine, prima di mettermi a lavorare.

Stamattina c’è stata la prima sgambata della stagione: intanto devo dire che, una volta tornata a casa, ho lavorato decisamente meglio con più attenzione e tonicità. Inoltre mi sento proprio meglio a livello fisico, quindi direi che da questa mia idea ho solo da guadagnarci.

E poi ho scoperto un’interessante funzione del mio Ipod nano: c’è una sezione “Fitness” in cui si può scegliere tra la modalità Corsa e Camminata. Nella seconda ti conta i passi, quanti km fai, il tempo e le calorie che perdi nel fare la camminata. Questa mattina ho iniziato con 3 km in mezz’ora ed ho bruciato 140 calorie!

Un buon inizio!

Oggi sono un pericolo ambulante!

Qualche riflessione senza nè capo nè coda:

– stamani mi sono svegliata prestissimo, alle 5.30, per poter scendere Pisa con il primo treno; questo perchè dovevo consegnare il piano di studi. Contavo di farlo domani mattina, ma devo andare a Genova per la laurea di una mia amica e così non ce l’avrei fatta a prendere il treno in tempi decorosi. Così partenza all’alba, tre cambi, piano di studi consegnato e domani mattina si parte tranquilli verso la città del mio cuore.

– Non ho ancora superato del tutto il problema L, ed è inutile che faccio finta di essere una superdonna a cui tutto scivola addosso. Mi si rivolta lo stomaco ogni volta che sento parlare di lui, o che vedo commenti suoi o della sua fidanzata su Facebook. Non ci posso fare niente, passerà. Molto passi avanti sono stati fatti, altrettanti sono ancora da fare.

– Sono in biblioteca a vagare un pò in rete e sto ascoltando la musica dal mio fedele Nano. Peccato però che oggi ho una voglia di cantare pazzesca, quindi non riesco a non assecondare almeno un pochino il ritmo della musica. Quanto mi piacerebbe poter architettare una cosa del tipo, sparo la musica a mille e tutti gli studenti presenti in biblioteca si alzano e si mettono a ballare scatenatissimi…

Ok ho bisogno di dormire!

Stranezze

Questo weekend mi sono sentita strana, e non è dovuto solo alla febbre. E’ come se tutto ad un tratto, le cose avessero assunto una forma ben definita, come se tutti i tasselli del puzzle fossero andati misteriosamente e magicamente al loro posto.

Avevo la febbre, ma non ho visto i Brange e mi sono risparmiata incazzature varie.

Nel telefonare alle mie amiche per avvisarle della mia assenza dovuta a cause di forza maggiore, mi sono arrivate tante conferme inaspettate. Un carico di affetto e di preoccupazione notevole, che non mi aspettavo più da certe persone.

Avevo accumulato così tanta stanchezza che un weekend a casa, tranquilla e nel letto era quello che mi ci voleva per recuperare le forze.

Da oggi si ricomincia con il solito vortice di impegni, però direi che è il caso di prendere un pò di vitamine per evitare altri tracolli poco desiderati