L’autrice: il ritorno

Quando manco per molto tempo, la prima cosa che faccio istantaneamente è controllare l’ultimo post che ho pubblicato, in particolare la data. Giusto per evitare sciocche ripetizioni, che fondamentalmente non interessano mai a nessuno.

Riassunto delle puntate precedenti: ero stata assunta per fare la stagista a Milano; quest’avventura non si è conclusa favorevolmente. La motivazione? Ero stata chiamata per altri colloqui, e quindi non c’erano più i presupposti per continuare lo stage lombardo. Elementare, non trovate?

Morale della favola: lasciata a piedi dall’oggi al domani, i vari colloqui non hanno portato niente di buono. Quindi, sono felicemente disoccupata da metà novembre. O meglio, il mio nuovo lavoro è trovare diversi modi di passare la giornata, oltre ovviamente ad invadere gli indirizzi email di mezza Italia con il mio Cv.

Ecco perché sono tornata: in buona sostanza perché il blog mi mancava da morire, sia come esercizio intellettuale banale e di poco interesse a causa della povertà della mia scrittura, ma soprattutto come sfogo personale.

Per ora il 2014 non ha portato niente di buono, ma rimangono i miei buoni propositi: cercare di essere più positiva e meno polemica e far cambiare orientamento sessuale a John Barrowman (stupenderrimo Capitano Jack Harkness in Doctor Who e Torchwood).

Chi ben comincia…

Annunci

4 thoughts on “L’autrice: il ritorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...