Nuovi orizzonti

Dopo svariati anni di trasferimenti, università e studio matto e disperatissimo, finalmente sono riuscita a ritagliarmi uno spazio che mancava da troppo nella mia vita, e che ritengo assolutamente necessario: il tempo per la musica.

Grande passione fin da sempre, il mio desiderio di imparare a suonare uno strumento si è fatto largo negli ultimi anni di liceo. Tuttavia, causa trasferimenti frequenti, viaggi di studio importanti, università e in particolare la mancanza di una mia indipendenza economica, ho dovuto accantonare questo desiderio per molto tempo.

Dopo aver trovato finalmente lavoro per un periodo abbastanza lungo (di questi tempi un contratto di un anno è sicuramente una benedizione), la prima decisione che ho preso è stata quella di iscrivermi ad un corso di musica.

Piccoli Jimmy Page crescono.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/40a/33440889/files/2015/01/img_2180.jpg

Cedere inevitabilmente alla tecnologia che avanza

Ebbene si… Io, strenuo e stoico difensore del libro cartaceo, Io, purista della carta e sniffatrice seriale di libri nuovi, ho ceduto. Sono caduta inesorabilmente nel gorgo dell’ebook per colpa di questo gingillo.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/40a/33440889/files/2015/01/img_2114.jpg

Il tutto nasce da un banale problema logistico che si è iniziato a porre quando i libri tra i miei scaffali hanno cominciato ad assumere strane posizioni in equilibrio precario. Dopo aver preso coscienza di dover in qualche modo risolvere la situazione, è iniziata a balenarmi in testa l’idea del Kindle, ma con una certa qual repulsione. Infine, mi sono un po’ convinta, spinta da amici e colleghi già in possesso dell’oggetto incriminato.

Babbo Natale ha così risolto il dilemma e mi ha fatto trovare il gingillo sotto l’albero. Dopo averlo aperto con una certa prudenza, tutti i miei dubbi si sono dissipati in pochissimi minuti. Il Kindle è veramente un dispositivo fantastico: comodo, maneggevole, risolutivo.

Continuo a sostenere che il fascino del libro cartaceo sia imbattibile e fuori discussione; tuttavia, non posso negare di essere veramente entusiasta di questo regalo. Diciamo che da ora in poi, sarò una consumatrice selettiva di carta.