Il ritratto della felicità

b61a3645010a169288a5a0cec19de394

 

Ci sono momenti che, proprio mentre li stai vivendo, sai che entreranno a far parte di quelli che cataloghi come “i più belli della tua vita”. Penso di essere una persona veramente fortunata, perché sabato scorso ho avuto la festa di laurea più bella che potessi desiderare. Mentre la organizzavo, speravo non solo di godermela e di divertirmi, ma anche che gli altri invitati potessero godere della felicità e della soddisfazione che provo in questo momento. E devo dire che non solo penso di aver raggiunto questo obiettivo, ma non mi sono mai sentita così amata e apprezzata come sabato scorso.

Grazie amici miei, di rendere la mia vita un viaggio così bello, unico e insostituibile!

Annunci

Non fa male! Non fa male! Non fa male!

La cosa più terribile del presunto ultimo mese di tesi, è la consapevolezza di riuscire a finire il lavoro entro le scadenze fissate, ma la drammatica incertezza della correzione della relatrice pende sulla mia povera testa, come una maledetta spada di Damocle…

Cercando di sopravvivere all’ansia e di far andare le mie falangi sulla tastiera ad una velocità che farebbe invidia a Flash, l’anno è iniziato decisamente bene con un Capodanno straordinario! Per fare qualcosa di diverso, abbiamo organizzato una splendida cena in stile medievale. Non potevo desiderare festeggiamenti e compagnia migliore di quelli che ho avuto!

544016_10151232714043719_1836278293_n

 

Detto questo, potrei sempre indossare il mantello e tentare di convincere, in maniera estremamente diplomatica, la mia relatrice a correggere tutto per tempo e a mettere fine alle mie pene. I mezzi non mi mancano…in fondo sono stata nominata “Lo capo delle guardie”…

394842_10151231321293248_627711863_n

Attimi fuggenti

Ormai solo dopo un pasto riesco a scrivere due righe decenti! Ultimamente mi sembra di essere in un tale frullatore che non so più bene neanche come mi chiamo! Mi spiace sempre di dover ridurre i miei post a dei miseri elenchi di cose che mi sono successe, ma purtroppo sono dentro ad un periodo talmente delirante che è l’unico modo per continuare a comunicare 🙂

Procediamo con ordine: sabato scorso, la famosa festa di compleanno è andata veramente bene! Non avevo organizzato niente di particolare, sempre per mancanza di tempo e di idee buone. E da una semplice serata, ne è uscito fuori un compleanno veramente stupendo. Ho sentito un calore ed un affetto sincero nei miei confronti, come non sentivo da molto tempo; questa serata mi ha aiutato a mettere a posto molte cose dentro di me e attorno a me.

L’università invece sta diventando un incubo: mancano due maledetti esami, ma le prof sembrano divertirsi a mettermi i bastoni tra le ruote. Una finora non è stata sgarbata o altro, anzi si è dimostrata molto disponibile in tutto; però mi mette ansia lei, perchè è estremamente pignola e so che non andrò all’esame particolarmente preparata. La seconda è veramente una merda: mi ha rimandato l’esame non so quante volte, non mi ha aiutato mai in niente, e questa sera mi ha deliziato con una mail, in cui sostiene che la mia relazione non è particolarmente soddisfacente perchè l’analisi linguistica non è completa e bla bla bla. Ora io non voglio sindacare sul fatto che la relazione sia buona o meno: ma sapendo che lavoro e che voglio solamente levarmi l’università dai piedi, chiedo troppo nello sperare di avere un po’ di comprensione e di essere lasciata andare senza troppe menate?

Sul lavoro le cose continuano ad andare bene: c’è sempre molto da fare e adesso sono riuscita a coinvolgere anche un paio dei ragazzi con cui già lavoro in un altro progetto, che spero possa portare dei grandi frutti a tutti!

E per tirarmi un po’ su di morale, prima di rimettermi sulle sudate carte, guardo i sorrisi delle mie amiche e spero che mi portino un pò di fortuna 🙂

 

Vorrei che fosse tutto già finito

Non ci posso credere…o meglio ormai sono sempre più convinta che l’università italiana ci trovi qualche sorta di piacere a rendere la vita impossibile a noi studenti.
In questo periodo sto preparando tre esami, la tesi e sto pure lavorando; così l’organizzazione è assolutamente di rigore, per evitare di prendere qualche svarione. Ecco perchè la sessione di aprile, per i laureandi era per me indispensabile; infatti, avrei un paio di relazioni che non riesco a consegnare ora e avevo fatto il conto di verbalizzare tutto ad aprile. Tuttavia ecco l’inghippo dell’ultima ora che non può mancare mai: pare che da quest’anno la sessione di aprile sia a discrezione dei professori, che possono decidere in autonomia che cosa fare, se farti dare gli esami o meno. Quindi per evitare brutte sorprese le due famigerate relazioni ce le dovrò infilare ora, e devo rinunciare ad andare alla discussione di E, che coincide col giorno in cui la merda riceve….
Sono veramente stanca di queste cose…