Pechino Express: alla ricerca della Eva perduta

Amo Pechino Express e anche se sono usciti i miei preferiti (ovvero La Pina e Emiliano) continuo a seguirlo con passione, soprattutto per gli splendidi paesaggi che si riescono ad ammirare.

Idolo ed eroina di questa edizione è Eva Grimaldi, la cougar più ingrifata e ubriaca del piccolo schermo. Le sue perle di saggezza riempiono i grigi lunedì nella Big City!

Grazie di esistere Eva!

IMG_1316.JPG

Annunci

Viaggiare sul divano

In questa settimana di convalescenza (domenica sera il mio stomaco ha deciso di dire basta alla normale e sana digestione quotidiana), ho scoperto un nuovo canale: La Effe, tv della Feltrinelli.

Il palinsesto propone una deliziosa serie di documentari con temi molto diversi tra loro: mi sono perdutamente innamorata della serie “Racconti dalle città di mare“. Una giovane fotografa vola alla scoperta delle più affascinanti città di mare del mondo: Venezia, Singapore, Tokyo, San Francisco e molte altre ancora.

Un viaggio intorno al mondo comodamente seduti sul divano, anche con lo stomaco in pieno sciopero della buona funzionalità. Voto 10+

IMG_1301-0.JPG

Don Camillo è uno di famiglia

20140203-181530.jpg

Quest’immagine fa parte di uno dei ricordi più belli della mia infanzia: i film di Don Camillo e Peppone.

Mio papà è un grandissimo estimatore delle avventure del prete reazionario e del sindaco comunista di Brescello e, ancora quando c’erano le videocassette, li registrava tutti e poi ce li riguardavamo insieme, fino a sapere le battute a memoria.

Oggi purtroppo quelle cassette non ci sono più, e sto puntando a prendere i DVD, ma ogni volta che in tv c’è Don Camillo, io e papà ci mettiamo seduti sul divano per salutare con il solito entusiasmo il nostro vecchio amico di famiglia.

A volte il lunedì può non deludere

Questo piovoso lunedì potrebbe regalare qualche piccola soddisfazione.

Il libro che ho per le mani si sta rivelando veramente incredibile, proprio perché mi sta svelando un mondo totalmente sconosciuto e impensabile: Open, la straordinaria autobiografia del più grande campione di tennis di sempre, Andre Agassi, va letto anche se non si è patiti di questo sport, perché racconta una storia personale pazzesca. Se poi aggiungiamo il fatto che in questo libro c’è anche la mano di J.R Moehringe, il più bravo scrittore americano di questi tempi, è una garanzia!

20140203-150606.jpg

Questa sera su Iris andrà in onda “Onora il padre e la madre” con Philip Seymour Hoffman, per ricordare lo straordinario attore recentemente scomparso a causa di un’overdose. Ho buttato un occhio a qualche recensione e pare che ne valga la pena.

20140203-150747.jpg

Bello ma…

Ieri sera si è conclusa una delle serie televisive che ho seguito ultimamente con grande attenzione; sapevo già che sarei andata sul sicuro, perchè già il libro mi era piaciuto tantissimo. I pilastri della terra è stato un gran successo: attori molto bravi, una scelta intelligente di fare solo quattro puntate e quindi di non perdersi nei meandri di una storia effettivamente molto complicata, delicatezza e magia. Ecco gli ingredienti che hanno reso questa serie tv un prodotto godibile anche per chi, come me, ha amato moltissimo il libro, e quindi inevitabilmente aveva delle aspettative decisamente alte. C’è solo una piccola crepa: penso che alcuni personaggi siano delineati con pù precisione nel libro. Sicuramente questo è da imputare al fatto che si sono dovute tralasciare delle cose per non dilungare troppo la serie; ma alcuni tratti fondamentali, anche di personaggi portanti come il priore Philip o Jack, nel libro trovano più spazio. Nel libro i protagonisti sono più complessi, con un carattere più spiccato, e si riesce a capire con maggiore chiarezza la loro indole e natura. Detto questo il mio voto è decisamente alto: un bel 9.

 E’ veramente difficile cercare di riassumere la trama di un libro così complesso e ricco di sfaccettature come questo. Ci provo e vediamo che cosa ne esce fuori: la vicenda ruota intorno alla costruzione della cattedrale di Kingsbridg. L’Inghilterra è in preda all’anarchia politica: il re muore senza lasciare eredi: Guglielmo, figlio del re, è annegato durante un naufragio, così sono Matilde, figlia del re, e Stefano, il nipote, a contendersi il trono. Tom è un costruttore, un uomo del popolo che sogna di costruire una grande cattedrale: l’occasione gli si presenta quando va a fuoco la vecchia cattedrale di Kingsbridge e il neo priore, Philip, decide di assumerlo per ideare la nuova cattedrale. Il costruttore, dopo la morte della moglie, incontrerà Ellen, condannata per stregoneria e vivere nascosta, e di suo figlio Jack, scultore di enorme talento e con un grande potenziale come costruttore. Tom ha già due figli: Martha e Alfred. Quest’ultimo diventa subito geloso di Jack, sia perchè il ragazzo riscuote le simpatie del padre, sia perchè innamorato, ricambiato, di Aliena, la figlia del deposto conte di Shiring. Aliena è una ragazza molto determinata, che, dopo l’esecuzione del padre, sostenitore della principessa Matilde, giura di riprendersi il loro castello, Shiring, e di far si che il fratello Richard sia di nuovo conte. I due fratelli dovranno però scontrarsi con la brama di potere degli Hamleigh, che da sempre mirano al titolo di conti di Shiring, e del vescovo Waleran,  che faranno di tutto per impedire non solo il compimento del piano di Aliena, ma anche la costruzione della cattedrale.

Ovviamente ho tralasciato molte cose: bisogna sempre lasciare un pò di mistero sulla trama di un libro 😛
E voi di solito che cosa preferite? I libri o le serie/film che vengono tratti da questi ultimi?

Un bel guazzabuglio moderno

 Per me la sobrietà è uno stile di vita; non amo particolarmente gli eccessi e nonostante sia una persona abbastanza brillante e socievole, mi sento di appartenere alla categoria delle persone “sobrie”. Sobrietà per me non è sinonimo di noia, grigiume o poca iniziativa; si può essere sobri ma decisi, pacati ma risoluti, gentili ma brillanti. Non amo le persone sguaiate, eccessive, quelli che urlano e sgomitano. Ecco perchè ho in particolare simpatia persone come il nostro Presidente della Repubblica, un uomo con le palle ma pacato, e il nuovo Presidente del Consiglio, un signore che mi sembra quasi timido ma dalle idee decisamente chiare. Ecco come la sogno la nuova Italia: sobria, pacata, risoluta e gioiosa..

Ho voglia di scoprire della musica nuova: stamattina stavo mettendo a posto i brani musicali che ho salvato sul computer, ed inizio ad essere un pò stufa di sentire sempre le solite cose. Amo molto il rock, il jazz, il soul, il blues. Qualcuno di voi ha dei buoni suggerimenti per me? Il mio Ipod reclama nuove voci e sonorità.

In questi giorni faccio un pò fatica a portare avanti la tesi e lo studio; sarà l’arrivo del freddo vero, quello che ti fa venir voglia di passare la giornata sotto le coperte a suon di film, libri e cioccolata calda, sarà che sono stata poco bene, ma le cose procedono un pò a rilento. E questo non è un bene! Ogni scusa è buona per fare altro. Per esempio, ho provato il famoso smalto verde della Pupa e devo dire che sono estremamente soddisfatta. Gli ultimi acquisti di makeup sono stati veramente azzeccati! Purtroppo in vista dei regalini natalizi non posso spendere nulla da qui fino a Natale, visto che non ho uno straccio di lavoro e non voglio dover chiedere un finanziamento troppo grosso ai miei per i regali da fare. Ecco, fra parentesi sarebbe anche ora di iniziare a pensare a che cosa regalare…
Affacciandomi dalla finestra, vedo che la nebbia è ancora fitta e bassa; altro flash: devo assolutamente procurarmi una cuffia decente; ormai la mia cade a pezzi! Da qualche anno a questa parte ho scoperto che le cuffie mi donano molto, però ovviamente ho tutte le mie teorie a riguardo. Amo quelle grosse, cadenti, spesse e anche abbastanza colorate perchè già l’inverno è smorto di suo e un pò di colore ci sta solo che bene! Bisogna andare in missione al più presto, altrimenti quei pochi neuroni che mi restano rischiano il congelamento!

Ultima piccola riflessione: finalmente ieri sera Rai1 ha trasmesso un programma televisivo degno di questo nome: la classe e la bravura di Fiorello sono ormai cosa nota al grande pubblico; ma è stato davvero un piacere passare qualche ora divertente, piacevole, con un umorismo spontaneo e pulito, senza i soliti psicodrammi e le fastidiosissime urla che ormai invadono qualsiasi programma televisivo!

Dopo questo flusso di coscienza impazzito, tento di ritornare sulle sudate carte; attendo i vostri consigli musicali miei cari!